Nel giugno 1992, si svolge la I° edizione del Corteggio Storico, sotto gli auspici e il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Montemurlo, nonché il sostegno del Circolo Nuova Europa di Oste. La manifestazione viene accolta immediatamente dal consenso del pubblico: essa rappresenta un momento di incontro e di aggregazione non solo fra la cittadinanza locale, ma richiama attenzione anche dai territori e comuni limitrofi, tanto che nel 1998 il Comune di Montemurlo decide di far propria questa iniziativa, lasciandone la gestione tecnico-organizzativa al Gruppo Storico, nel frattempo costituitosi in Associazione culturale no profit. Anche la Provincia di Prato riconosce l’importanza e il valore di questa manifestazione, alla quale concede il proprio patrocinio e contributo. Ogni edizione del Corteggio Storico, che comprende circa una settimana di festeggiamenti ed iniziative collaterali locali, viene rinnovata grazie ad elementi innovativi e a nuovi personaggi. Fanno da cornice alla manifestazione la Cena Rinascimentale che viene allestita e consumata sotto le stelle nell’ antico Borgo medievale della Rocca di Montemurlo, con menù tipico dell’epoca, allietata da musiche, danze, spettacoli di fuoco e gesta di giullari,  dal caratteristico “ Palio della ruzzola dei cerchi e delle botti ” dove si sfidano i 7 rioni montemurlesi in una affascinante gara a colpi di cerchi e di botti in percorso prestabilito.

In questi anni il Gruppo Storico ha creato un nutrito guardaroba di abiti e costumi d’epoca, nonché attrezzature ed accessori, investendo capitali e risorse umane. Il Gruppo Storico, diventato Gruppo ufficiale di rappresentanza storica del Comune di Montemurlo, partecipa ogni anno con successo al Corteggio Storico di Prato, nonché ad altre manifestazioni analoghe in altre Regioni d’Italia, come in Emilia Romagna, Campania e Puglia. Nel 2000 ha avviato uno scambio culturale con il Comune di Avellino, dove ha partecipato con la propria rappresentanza storica e riscosso notevole successo. E’ inoltre in contatto con varie città italiane per scambi culturali, tra queste citiamo: Firenze, Castiglion dei Pepoli, Pescia, Isola D’Elba, Porto Santo Stefano, Bovino e come già detto Avellino. Nell’ottobre del 2014 i Musici e gli sbandieratori si sono esibiti a Gesico (CA) Sardegna, iniziando con l’amministrazione comunale sia di Montemurlo che di Gesico un patto di amicizia.

Nel 2012 la Giunta Regionale Toscana ha approvato con propria deliberazione n° 1120 l’Elenco delle Associazioni e manifestazioni di ricostruzione e rievocazione storica della Toscana, nel quale sono stati inseriti e riconosciuti a pieno titolo sia il Gruppo Storico di Montemurlo sia l’evento del Corteggio Storico di Montemurlo.

 

Musici e Sbandieratori
Nel maggio del 2005 il Gruppo Storico di Montemurlo ha creato al proprio interno quello che è stato il primo gruppo di Sbandieratori della provincia di Prato. Tale gruppo si è unito a quello dei Musici che era già esistente. I primi, pur essendo giovani e autodidatti, hanno dimostrato fin dall’inizio un’estrema creatività ed una forte passione per “l’arte dello sbandierare”, allo stesso tempo il gruppo dei Musici ha realizzato una serie di musiche orecchiabili, briose e ben ritmate. Così gli Sbandieratori ed i Musici insieme, sono diventati uno dei simboli di prestigio per il Gruppo Storico ed il Comune di Montemurlo,